Lisbona, a spasso nel tempo tra cultura e detti popolari

Lisbona, a spasso nel tempo tra cultura e detti popolari

Se si ha una voglia irrefrenabile di fare le valigie, prenotare il primo volo e partire, nella propria lista delle mete da visitare assolutamente non può mancare il Portogallo. Volgiamo lo sguardo a Occidente o, per meglio dire, a estremo occidente. Infatti, il Portogallo è lo stato più occidentale dell’Europa, geograficamente confina a nord e a est con la Spagna; invece, a sud e a ovest è bagnato dall’Oceano Atlantico.

A primo acchito, si possono ben intuire gli usi, i costumi e le tradizioni che caratterizzano quella zona. È uno stato “di mezzo”, tra la terraferma e il fondale oceanico. Addentriamoci in questa Nazione alla scoperta dei posti meravigliosi che sorgono sul suo suolo.

Oltre Lisbona, la capitale, che vedremo più avanti, ci sono tante città degne di nota. Tra queste, quella più particolare dista a soli 28 chilometri da Lisbona, è una delle perle del Portogallo grazie anche alla sua attrazione principale:  Sintra – Palacio da Pena. È un castello fiabesco, richiama in toto le fattezze fantasy con i colori pastello giallo, rosa e violetto sulle pareti. Inoltre, è arroccato in cima a una collina da cui si può godere di un panorama mozzafiato sull’Oceano. Ora torniamo alla capitale.

lisbona guida cosa fare

Lisbona, caratteristiche geografiche

Lisbona viene considerata tra le più belle mete europee da visitare. È stata costruita intorno a sette colline, São Jorge, São Vicente, Sant’Ana, Santo André, Chagas, Santa Catarina e São Roque, è bagnata dal fiume Tago e si affaccia su un tratto della sensazionale costa portoghese. È ricordata da diversi viaggiatori per essere estremamente soleggiata, calda ma, soprattutto, accogliente. Se si ha intenzione di prenotare un volo per questa città, è bene continuare a leggere per scoprire alcune chicche caratteristiche.

Città pregna di storia e cultura

Lisbona offre uno scenario eclettico. È una città versatile grazie alla convivenza tra diversi stili architettonici; infatti, si incontrano e combaciano alla perfezione castelli, palazzi e case storiche o antiche con i musei e abitazioni più moderne e contemporanee. Gli stili che si intrecciano danno la possibilità allo spettatore di vivere contemporaneamente nel presente ma anche nella storia passata.

Gli edifici che fanno da sfondo al panorama poliedrico hanno richiami barocchi, neoclassici, medievali ma anche gotici. Ad esempio, il Castello di São Jorge sovrastala città in altura, mentre il Ponte 25 de Abril occupa tutta l’area che costeggia il fiume. Insomma, fare due passi a Lisbona non vuol dire intraprendere una semplice passeggiata, ma è sinonimo di fare due passi a spasso nel tempo e nella Storia.

Gli azulejo

La fama precede Lisbona ma ancor di più le bellissime maioliche, tutte di origine portoghese, che prendono il nome di azulejos. Se in Italia l’arte si traduce con monumenti, dipinti, ecc; in Portogallo si traduce anche in realizzazione di questo tipo di piastrelle che, difatti, è considerata una vera e propria arte antica. In ogni quartiere si potranno ammirare edifici, abitazioni, musei o fontane decorati con queste particolari ed elaborate lavorazioni.

Sono caratteristiche e particolari perché restituiscono un effetto trasparente e lucente conferito proprio dagli smalti colorati che vengono utilizzati; questi sono in grado di esaltare allo stato puro le delicate tinte. Il termine, infatti, deriva dall’arabo “al zulaycha” che significa proprio “piccola pietra levigata”.

Surf

Ebbene sì viaggiatori, per tutti gli amanti del surf o che hanno voglia di fare questa esperienza, a Lisbona tutto è possibile. Non bisogna necessariamente scappare in California per godere di onde enormi pronte per essere cavalcate.

Lisbona è il giusto compromesso tra città metropolitana e grandi onde, in magnifiche spiagge. Per raggiungere le destinazioni in questione, dalla capitale risulterà facile prendere alcuni mezzi perché ben collegata. Vanno citate, inoltre, le molteplici esplorazioni, guidate e no, che si possono fare per scovare dei punti strategici e caratteristici che la costa ha da offrire. Va ricordata anche una cosiddetta spiaggia urbana, Ribeira das Naus, annoverata tra gli spazi più interessanti di Lisbona.

Gli storici elevador

Gli elevador, non sono propriamente degli ascensori, ma delle funicolari. Storici e caratteristici, riescono ad attirare la curiosità anche del visitatore più esigente. I loro collegamenti sono tutti panoramici; quindi, offrono ai turisti un ottimo mezzo per “visitare” la città, sia dal punto di vista del trasporto, molto affascinante e divertente, sia dal punto di vista della visuale.

Una città all’avanguardia

Oltre agli innumerevoli posti caratteristici che si potrebbero citare, è importante analizzare e presentare la capitale portoghese anche dal punto di vista della crescita personale. Infatti, sta diventando sempre più uno dei cuori pulsanti della tecnologia a livello europeo. Qualora non si dovesse essere dei semplici turisti, è bene scoprire questa città anche dal punto di vista dell’imprenditoria.

Difatti, grazie all’aeroporto internazionale nelle vicinanze, si pone sul podio per essere la sede migliore in grado di ospitare riunioni importanti o eventi di altrettanto calibro. È diventata negli ultimi anni punto di riferimento di startup e investitori importanti. È una città a misura d’uomo che riuscirà sicuramente a soddisfare ogni tipo di aspettativa ed esigenza.

Ficar a ver navios”, viaggio nei modi di dire

Lisbona è stata terra fertile per la nascita di tanti modi di dire popolari che affondano le radici in miti e leggende antiche. Tra questi, ce n’è uno che è legato alla collina che ospita il Miradouro de Santa Catarina. Fa riferimento, infatti, al modo di dire “ficar a ver navios, tradotto in italiano con “stare a guardare le navi”, che sta a significare “attendere qualcosa che non succederà mai”.

Secondo i racconti popolari, questo detto è nato dall’episodio cinquecentesco che ha visto come protagonisti i cittadini della città. Questi erano soliti recarsi al Miradouro per osservare l’orizzonte con la speranza di vedere il rientro delle navi di Sebastiano I, re del Portogallo, detto il Desiderato che era scomparso nell’attuale Marocco nel lontano agosto del 1578.

Tutta la Nazione, oltre alla capitale, è ricca di questi modi di dire che trovano ispirazione da alcuni episodi che hanno sconvolto, sia in positivo sia in negativo, la città o tutto il territorio. Lisbona, in primis, è una città tutta da scoprire per arricchire al meglio il proprio bagaglio culturale e personale.

Tags:
VALENTINA SCANNAPIECO
va.scaneco@gmail.com

Illustratrice, consulente di marketing, scrittrice di racconti per bambini e appassionata di viaggi e cucina (fatata).