Bruschetta fichi e crudo

bruschetta prosciutto fichi

Bruschetta fichi e crudo

Qualcuno ha detto bruschetta? Ebbene sì, oggi ti presento uno dei miei spuntini veloci preferiti della stagione estiva: la bruschetta ai fichi e prosciutto crudo.

Croccante pane, delicato formaggio aromatizzato con miele e spezie, infine avvolgente crudo, morbida frutta e una nota agrumata di buccia di limone grattugiata (ormai lo sai, è la mia firma).

Come preparare la bruschetta crudo e fichi

Questa insolita bruschetta con fichi e crudo è ideale per un aperitivo da servire all’aperto con un buon calice di vino o dell’acqua fresca aromatizzata nei tardi pomeriggi d’estate, senti come il vento leggero ti solletica il viso? Il volpino Occhi Ovunque ne ha approfittato per un giro in surf. Ma torniamo al nostro aperitivo, ora non ti tocca che fare una buona spesa e metterti all’opera.

Ingredienti per 4 persone

  • 200 g pane casereccio
  • 3 – 4 fichi biologici
  • (8 fette) 100 g prosciutto crudo (io ho scelto il San Daniele)
  • 200 g ricotta
  • miele
  • sale fino
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • pepe nero macinato
  • olio evo

Preparazione

  1. Taglia una pagnotta di pane ottenendo fette dello stesso spessore e dimensione, quindi dividi ogni fetta a metà ricavandone 2 pezzi. Tostale su una griglia calda per alcuni minuti, rosolando ciascun lato.
  2.  A parte lavora la crema di ricotta con un filo di miele, pepe nero macinato e la vaniglia.
  3. Lava i fichi quindi ricava delle fettine sottili.
  4. Ora non resta che comporre le bruschette: spalma sul pane il formaggio, poi disponi delle fettine di prosciutto e finisci con i fichi e una grattugiata di buccia di limone biologico.

Come posso sostituire gli ingredienti?

Al posto della ricotta puoi utilizzare la robiola o del caprino dal gusto più acidulo. Poi divertiti con le spezie e aggiungere anche qualche erba aromatica a piacere.

bruschetta prosciutto fichi san daniele

Quale miele posso utilizzare per le bruschette fichi e crudo?

Personalmente ho utilizzato del versatile miele millefiori. Se preferisci le note amarognole scegli quello di castagno, o addirittura quello di corbezzolo. Se sei amante delle note dolci scegli quello di sulla, d’arancio o d’acacia.

VALENTINA SCANNAPIECO
va.scaneco@gmail.com

Illustratrice, consulente di marketing, scrittrice di racconti per bambini e appassionata di viaggi e cucina (fatata).